Crescere

Ogni bambino attraversa delle fasi di crescita. Diamo per scontato che tutti i bambini a un certo punto della loro vita imparino, ad esempio, ad andare in giro senza ciuccio, senza pannolini e sulle loro gambe oltre che a passare del tempo senza genitori e in un ambiente nuovo come quello dell’asilo. Anche grazie al fatto che lo diamo per scontato, che lo riteniamo non solo possibile ma necessario, i bambini apprendono queste e tante altre abilità che contraddistinguono la propria crescita. La società pone molta attenzione a queste sfide che l’infante si trova ad affrontare, ne pone meno ad un altro passaggio cruciale, quello dall’asolescenza all’età adulta. L’adolescenza è una fase in cui il soggetto pone se stesso e i suoi bisogni al primo posto, egli è al centro del suo universo e vorrebbe essere al centro anche dell’universo delle persone che lo circondano. Anche nell’infanzia il bambino si sente al centro, ma cerca soprattutto l’attenzione genitoriale, nell’adolescenza ci si inizia a staccare, anche se non del tutto, dal bisogno dell’attenzione genitoriale e si cerca l’attenzione in un ambito più ampio, gli amici in una prima fase e poi anche il partner.

L’adolescente tende a immergersi nel mondo delle illusioni alimentato dalle emozioni, vivendo un mondo psicologico in cui le responsabilità vengono vissute come limitazione della propria libertà e della propria capacità di muoversi e spaziare tra le esperienze. Continua a leggere Crescere

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Fare ciò che ami ed altri insegnamenti

Spesso sento parlare del fatto che sia importante fare ciò che ami per trovare il proprio posto nel mondo e sentirsi in pace. Questo è vero ma, come moltissimi insegnamenti, è stato spesso frainteso. Se fosse stato compreso chiaramente allora molte più persone, immerse nella ricerca interiore, a caccia di risposte per realizzare la propria vita, avrebbero iniziato a fare ciò che gli piace e trovato la propria strada. Eppure non è così, è più facile trovare tante persone che sanno parlare bene, descrivere, discutere su molti insegnamenti. Pochissimi invece li mettono in pratica con consapevolezza. 

Questo accade non tanto per cattiva volontà quanto per una incomprensione di fondo molto sottile: non è chiaro a chi ci stiamo riferendo quando diciamo “io”. Così, non sapendo chi siamo, spesso scambiamo per “io” ciò che non siamo e ci chiudiamo all’ascolto della parte più profonda di quel “io”. Ecco che qualsiasi insegnamento che ci viene trasmesso sembra non funzionare così bene con noi, oppure funziona in modo altalenante, perché l”io” che coglie l’insegnamento è solo una parte di ciò che sei. Quando diciamo “io” ci riferiamo perlopiù alla nostra mente, siamo identificati totalmente con essa. Continua a leggere Fare ciò che ami ed altri insegnamenti

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

L’anima gemella non esiste

L’idea di anima gemella è molto diffusa. Ci porta a pensare che ci sia una persona nel mondo con cui siamo destinati a passare tutta la vita ed essere felici. Questa idea ci è stata trasferita dalle storie che ci hanno raccontato da piccoli. Il principe, il cavaliere, cerca la sua principessa, la sua dama, e viceversa. Ogni favola che si rispetti termina con un bel “vissero felici e contenti”. In qualche modo sembra che tutte le difficoltà siano concentrate nella ricerca della propria metà, dell’anima gemella e che, una volta che ci si è trovati, tutto andrà liscio. Questa è un’idea romantica, adolescenziale, che può facilmente indurre in confusione, ostacolandoci nel fare il salto percettivo che ci permetterà di cogliere l’autentico significato della relazione.

Abbiamo vissuto numerose vite. Durante queste esperienze di vita fisica abbiamo incontrato e interagito con tante Anime. Con alcune di esse abbiamo sperimentato dolore, colpa, risentimento, amore, gioia, unione. Con alcune di esse abbiamo iniziato a realizzare cose che ci permettevano di sperimentare appieno il nostro dono animico. Continua a leggere L’anima gemella non esiste

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Guardare con occhi di Verità

Ci sono alcune cose inaccettabili per la mente egoica (di superficie), cose che, fino a quando non vengono accettate, rallentano il processo di crescita interiore. Parliamo di realtà scomode cui la mente, a primo acchito, reagisce pensando: “non è il mio caso” oppure “prima era così per me, ora non più” o “questa è solo una sciocchezza” o “io già faccio ciò di cui parli (quindi sono a posto così)”. Ora, l’osservazione di sé, dei propri pensieri ed emozioni, dovrebbe servire a rendersi conto che la mente di superficie crea realtà illusorie, crea storie, ologrammi, prende un granello di sabbia e ne fa una spiaggia, da una goccia d’acqua disegna un oceano e da una goccia di fango crea grandi paludi. La mente si crogiola nelle sue idee e le sovrappone alla realtà. Sento molti parlare del fatto che Continua a leggere Guardare con occhi di Verità

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

La crisi

A tutti accade di tanto in tanto di entrare in crisi. Osserva il meccanismo nei bambini. Quando non ottengono ciò che desidera la mente reagiscono, alcuni piangendo, altri strillando, altri ancora chiudendosi e ritirandosi. Lo stesso accade agli adulti. La nostra mente ha delle abitudini, ha creato dei punti di riferimento che la fanno sentire al sicuro. La crisi giunge quando uno o più di queste sicurezze, di questi punti di riferimento, viene messo in discussione. Essa vuole spingerci ad andare oltre, ma per andarci dobbiamo lasciare andare qualcosa di vecchio, a volte una semplice abitudine, a volte è un condizionamento, una paura, un dolore antico.

La crisi è più forte quando il cambiamento coinvolge qualcosa che va a modificare l’immagine di sé. Così tu hai sempre pensato di essere qualcuno, ma qualcosa inizia a cambiare dentro e fuori di te. Quel qualcuno ti sta stretto. Inizi a scoprire di Essere qualcos’altro, Continua a leggere La crisi

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Verso l’equilibrio Interiore (post scomodo)

Incontro molte persone che chiedono il riequilibrio dei propri stati interiori, vogliono sentirsi meglio, più sereni, più forti. Spesso cercano di cambiare una vita che sentono disfunzionale o troppo limitante. Oppure cercano un completamento, sentono un vuoto e vorrebbero colmarlo. Ora, la prima domanda che mi farei è: come mai fino ad oggi, dopo vari tentativi, non ho ancora raggiunto questa serenità, la mia vita è ancora una gabbia per me o sento ancora un vuoto che non riesco a colmare? Difficilmente uno riesce a trovare la risposta a una domanda del genere. Se trovasse una risposta autentica allora sarebbe molto più vicino alla guarigione. Ciò che conta è, innanzitutto, che uno si ponga questa domanda, poi, che riesca a comprendere che la risposta non è all’esterno. Il primo freno nella ricerca della propria realizzazione consiste nel fatto di dare colpe e meriti al mondo esterno per i propri risultati e i propri stati d’animo. Comprendere che c’è qualcosa dentro da sciogliere e trasformare è essenziale. L’implicazione di questa comprensione però non è affatto scontata poiché rimane spesso a livello intellettuale. Che significa che dentro di me c’è qualcosa da sciogliere o trasformare? Continua a leggere Verso l’equilibrio Interiore (post scomodo)

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Il ruolo delle domande

Ciò che ci guida nella ricerca interiore sono le domande. Tutti si fanno delle domande ma con le domande “sbagliate” non si arriva da nessuna parte, si rimane bloccati o si gira in tondo (il che è pur sempre un’esperienza di cui far tesoro). Di seguito osserviamo i diversi tipi di domande che possiamo porci.

Il primo tipo di domande sono quelle che non portano a nulla: perché capitano tutte a me? Come mai sono così sfortunato? Perché nessuno mi vuole bene? Perché nessuno mi aiuta o Dio non mi aiuta? Queste esemplificano il tipo di domande che ti fa sentire una vittima e ti fa rimanere schiacciato in paure e insicurezze.

Poi c’è un tipo di domande che è molto diffuso. Ti fanno girare in tondo perché sono legate alla ricerca di risultati esteriori: quando troverò l’amore? Come posso riconoscere l’Anima gemella? Come posso raggiungere l’indipendenza economica o avere più denaro? Come posso essere più attraente? Come posso avere più tempo libero? Come posso diventare il migliore in una certa cosa? Come posso sentirmi meglio/bene nella vita quotidiana? Come posso aiutare il mondo? Continua a leggere Il ruolo delle domande

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Vite precedenti: la tribù

Luisa (in stato di rilassamento profondo): “In questa vita precedente vedo una tribù. Ci sono dei grossi sassi per terra, a formare un cerchio.”

Io: “una tribù di nativi americani?” Luisa: “sì, sono davanti al fuoco. Io sono tra le donne giovani, aiuto Monica (è una compagna di corso che ha riconosciuto in quella vita), ci sono dei bambini.”

Io: “e cosa fate con questi bambini?”

Luisa: “Monica se ne prende cura mentre io sto con loro, li faccio giocare. Monica fa parte dei saggi della tribù.”

Io: “e Spirito cosa ti dice al proposito?”

Luisa: “dice che il mio dono è aiutarli a crescere.”

Io: “cosa intendi esattamente per aiutarli a crescere?”

Luisa: “i bambini sono di fronte a me. Io spiego loro delle cose e consolo coloro che piangono. Cerco di prendere con me quelli che sono senza genitori.”

Io: “e come ti senti mentre stai con quei bambini?”

Luisa: “molto felice, davvero, sento che sono al mio posto. Sento una luce, un calore, che parte dal petto.”

Io: “c’è ancora qualcosa che devi guardare di quella vita?” Continua a leggere Vite precedenti: la tribù

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Il desiderio e la legge dell’attrazione

“Non lasciare che la ricerca del piacere
ti distragga dalla meditazione e dal tuo stesso bene.
Va al di là del piacere e del dispiacere.
Sia cercando il piacere sia fuggendo il dispiacere alimenti la sofferenza.
Non attaccarti a nulla. La perdita di ciò a cui sei attaccato è sofferenza.
Chi non nutre attaccamento né avversione è libero.
Ogni desiderio è fonte di dolore e di paura.
Liberati dal desiderio e non conoscerai dolore né paura.”
Buddha

Solitamente cerchiamo di andare verso il piacere ed evitare la sofferenza. Questa è una illusione difficile da sradicare. È proprio facendo così che incontriamo la stessa sofferenza che cerchiamo di evitare e non riusciamo a godere del piacere che inseguiamo con tanto ardore se non per breve tempo. In realtà se ci lasciassimo condurre rimanendo attenti ai segnali arriveremmo esattamente dove il nostro vero sé vuole giungere, un luogo che la nostra mente non è in grado di prevedere o anticipare. Quando una cosa bella arriva nella nostra vita come una sorpresa allora è autentica. Solo che poi noi vogliamo ripetere quell’esperienza per rivivere quei momenti belli. Quest’ansia rallenta il cammino che ti ha portato fino a lì. Continua a leggere Il desiderio e la legge dell’attrazione

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Intensivo di Riequilibrio Interiore – residenziale

Se desideri, più di ogni altra cosa, aprire il tuo cuore alla vita e toccare e conoscere la verità su te stesso, scoprire chi sei davvero, preparati a ripulire tutte le tue ferite irrisolte, a buttar giù tutti i muri che la mente ha costruito per difendere ciò che, in realtà, è indifendibile … perché è proprio con la rottura del guscio (dell’ego), con la rottura dell’uovo che apparentemente ti faceva sentire al sicuro, che permetterai a te stesso di rinascere a nuova vita e mostrarti al mondo in tutta la tua bellezza.”  dal libro ciò che sei non E’

Luogo: Camugnano (BO)
Date:
Tipologia: residenziale con sessioni individuali e di gruppo
Partecipanti: max 8 (numero chiuso)

Molti, da diverse zone d’Italia, dopo aver letto il libro “ciò che sei non È” ci chiedono di fare una sessione individuale per contattare la propria guida interiore e fare chiarezza nella propria vita. Sembra loro che questo contatto si possa raggiungere con la stessa rapidità di uno schiocco di dita. A volte, con persone che arrivano pronte a questa esperienza, questo è possibile. Spesso però ci si imbatte in esperienze infantili rimosse. Queste vanno fatte emergere e guarite prima di poter scendere più in profondità al proprio interno. Il muro di protezione che la mente ha eretto per proteggere il bambino dal dolore va smantellato. È al di la di quel muro che è possibile trovare il proprio sè autentico. Il nostro compito è vedere ciò che è dietro a quel muro e facilitarne la presa di coscienza e la guarigione, il tuo è aprire la tua mente e lasciarti guidare a esplorare “l’ultimo posto dove avresti mai guardato”.
Questi cinque giorni sono dedicati ad avviare in modo deciso questo processo. Solo dopo sarà possibile, in base a ciò che emerge, avere più chiarezza sui passi da compiere verso la propria liberazione interiore.
Molti di coloro che sono in ricerca passano anni a girare da un gruppo all’altro, da una metodica all’altra, da un libro all’altro. Tutte queste esperienze preparano la persona al passo successivo. Il tempo è parte del processo. Conoscere se stessi non è una passeggiata di piacere, implica attraversare esperienze, alcune volte spiacevoli, utili a smantellare le illusioni costruite dalla mente e a cui essa si è attaccata per sentirsi più sicura, più forte, più protetta.
Per info puoi scrivere a info@antoniodelia.it, prima di prenotare incontriamoci su skype.
A presto. Antonio e Maria – vedi qui il calendario eventi

Share and Enjoy !

0Shares
0 0