La vita procede mentre fai dei programmi (e a volte te li smonta)

Viviamo due vite, alcune volte si incontrano, molte altre no. In una delle due siamo soli, o perlomeno ci sentiamo così, e pensiamo di decidere tutto noi, generalmente sentiamo che dobbiamo cavarcela da soli. La possiamo chiamare la vita della mente di superficie. Ciò che facciamo in questa vita è cercare di metterci al sicuro, cerchiamo delle sicurezze. E’ così che nascono gli attaccamenti. Ci attacchiamo a ciò che ci da sicurezza (cose, persone, situazioni). Tutto, nella nostra prima vita, gira intorno a sicurezza e stabilità. La mente di superficie è in grado di provare solo paura e sottoprodotti della paura: da un lato ansia, angoscia, timore, dubbio, dall’altro eccitazione, euforia, allegria, e altri tipi di stordimenti spesso chiamati, a torto, gioia e amore (i sentimenti sono appannaggio della mente profonda, senza un contatto con essa si vivono semplici emozioni del momento – vedi articolo precedente sul pensiero positivo). Ciò che si può facilmente osservare è che la mente di superficie non riesce a trovare pace: in assenza di emozioni positive e negative si sente semplicemente annoiata e inizia a cercare nuovi stimoli emozionali.

Il denaro e il potere hanno tanto successo nella nostra società perché

Continua a leggere La vita procede mentre fai dei programmi (e a volte te li smonta)

Il pensiero positivo non ti salverà (è più forte di te, proprio non ce la fai)

E’ più forte di te: sono le tentazioni del mondo. E’ l’idea che la prossima volta volta andrà meglio, che le cose sarebbero potute andare diversamente se solo avessi agito in modo differente. E’ più forte di te: cercare la felicità, la gioia, la pace nel mondo esterno. Faresti qualsiasi cosa pur di non rivolgerti all’interno ed iniziare il viaggio dell’eroe. Proprio non ce la fai a guardare dritto negli occhi ciò che sei diventato, a guardare tutto ciò che hai represso, tutto ciò che ti sei costretto a fare per essere accettato, per sentirti figo e di valore, e poco importa se i tuoi sforzi abbiano avuto più o meno successo, stai semplicemente muovendoti in un mondo illusorio; anche il successo è temporaneo, quell’eccitazione svanisce e ritorni a inseguire qualcos’altro.

E’ più forte di te: mille e una volta hai fatto la stessa esperienza eppure non vuoi guardare,

Continua a leggere Il pensiero positivo non ti salverà (è più forte di te, proprio non ce la fai)

Ogni giorno puoi prendere una decisione…

Ogni giorno ti svegli e prendi una decisione: a cosa affidare la tua giornata. Due forze contrapposte entrano in azione. Una di queste vuole convincerti che sei migliore o peggiore di qualcuno, vuole eccitarti per poi deluderti, vuole darti l’impressione di poter scalare montagne per poi buttarti giù dalla sporgenza più alta. Una di queste ti parla a voce alta ed è sempre in agguato, pronta a metterti lo sgambetto proprio nel momento in cui la tua corsa sta prendendo velocità. Una di queste vuole tenerti sotto controllo, occupato in mille pensieri inutili, poco importa se siano sogni di grandezza o pensieri penosi e degradanti.

L’altra forza è silenziosa. È in grado di darti tutto ma non fa promesse. È stabile, poiché Continua a leggere Ogni giorno puoi prendere una decisione…

Il tuo rapporto di coppia ti dice…

Il tuo rapporto di coppia ti dice chi sei. Ti parla attraverso la persona che hai scelto. Le sue parole, quelle che non sopportiamo, sono le tue paure, sono ciò che sei e non accetti di essere, sono le tue speranze infrante. I momenti belli passati insieme rispecchiano la luce e la gioia che si nascondono in te, sono un momento di bel tempo nel mezzo di una tempesta, un sospiro di sollievo in una corsa contro il tempo, ti chiedono di fermarti ad amare te stesso.

Tutto ciò che l’altro fa cerca di spingerti più a fondo al tuo interno, se vi arrendete, se smettete di scavare, ad emergere saranno noia e stanchezza. Nella coppia il viaggio è per due e, nelle soste, la camera è doppia. È un’esperienza individuale vissuta insieme. Entrambi siete spinti ad andare avanti perchè se uno dei due rimanesse indietro allora rischierebbe di perdersi. Potrebbe incontrare Continua a leggere Il tuo rapporto di coppia ti dice…

Ti sei mai chiesto perché non raggiungi i tuoi obiettivi?

E’ consigliabile leggere l’articolo seguente prima di guardare il video.

Molte volte le persone mi chiedono cosa impedisca loro di raggiungere i loro obiettivi. C’è chi cerca un partner, chi un lavoro migliore, chi più denaro o, semplicemente, più amici, una vita sociale più ricca, c’è chi cerca la salute e, pochissimi, cercano il proprio sé autentico. Solitamente si tende a cercare all’esterno la causa dei propri rallentamenti o dei propri “insuccessi”.

Vediamo alcuni fattori di cui tenere conto:

  1. noi valutiamo i nostri progressi prevalentemente con la mente logica. Questo significa che molto spesso la nostra valutazione è errata poiché la mente interpreta gli eventi in base a preconcetti. Nel momento in cui questa valutazione diventa una convinzione allora si rivela corretta, poiché metterai in atto senza accorgertene tutta una serie di comportamenti che porteranno nella tua vita la realtà di cui ti sei convinto. Quante volte ti sei ritrovato, guardandoti indietro, a cambiare idea sulla valutazione di un’esperienza del passato?
  2. Se la tua situazione presente
    Continua a leggere Ti sei mai chiesto perché non raggiungi i tuoi obiettivi?

Dall’Essere bambino all’Essere Realizzato

Pensiamo generalmente di essere cresciuti solo perché l’età anagrafica avanza. E se interiormente fossimo, come società nel suo complesso, rimasti bambini? Per tutta la vita abbiamo curato, nel migliore dei casi, il corpo e la mente intellettuale. Siamo entrati in contatto con diete, trattamenti della pelle, esercizi fisici, e tecniche per il benessere corporeo. Abbiamo studiato, letto, raccolto informazioni di ogni tipo, siamo diventati più furbi e più o meno in grado di procurarci ciò di cui abbiamo bisogno esteriormente.
Eppure continuiamo generalmente a comportarci come bambini. Quando un bambino ha un’aspettativa e poi questa viene delusa si lamenta e se la prende con qualcuno, gli adulti lo fanno. Quando un bambino viene rimproverato assume un atteggiamento da vittima ed è risentito, gli adulti lo fanno. Quando un bambino non riesce a portare a termine qualcosa solitamente insiste, un adulto molla più facilmente. Quando un bambino sbaglia, cade, si fa male, allora piange, a volte si dispera, e dopo un po Continua a leggere Dall’Essere bambino all’Essere Realizzato

Perdersi nel labirinto della mente

Forse la verità è che, nella ricerca di risposte, non hai compreso molto di ciò che hai capito o, nel peggiore dei casi, hai capito una cosa per l’altra. La quantità di informazioni non è ancora diventata energia di consapevolezza, è solo altro ego.

Questo è comprensibile, serve ancora del tempo. Il silenzio deve ancora conquistare il tuo cuore. Prediligi il parlare all’ascolto, e prediligi l’ascolto al sentire. È normale che sia così, il sentire è una proprietà del silenzio interiore.

La grande sfida è il lasciare andare ogni cosa, ogni idea, ogni attaccamento della mente, lasciare andare il passato che ci ha condotto qui, alla miseria interiore malamente celata da un bell’abito, una bella casa o da un auto nuova. Ogni volta che ti lamenti di qualcosa, ogni volta che pensi di meritare di più, ogni volta che lotti contro qualcosa, puoi fermarti un attimo e chiederti: “Perchè sta capitando di nuovo? Cosa non ho ancora compreso?”

Ogni giorno si avvicina il momento in cui dovremo mollare ancora qualcosa. È finito il tempo di prendere, è giunto il momento di restituire e viaggiare liberi e leggeri tornando ad essere chi siamo davvero, e di gioire, semplicemente, per il gusto di sperimentare la vita.

Workshop: Fisica Quantistica e Spiritualità a Roma

Date:  16 (ore 19.30-22.30), 17 (ore 10.30-19.00), 18 (ore 9.45 – 13.15) novembre

Iscrizioni chiuse

Il workshop “fisica quantistica e spiritualità” mira a portare la tua consapevolezza sul fatto che ogni aspetto della tua realtà quotidiana trova corrispondenza con i tuoi stati interni. L’idea che è il nostro mondo interno a definire i risultati che otteniamo nel mondo esterno è piuttosto diffusa tra chi si interessa a queste materie. Eppure continua a mancare la comprensione profonda di come questa idea si applichi alla propria vita quotidiana. Potremmo dire di conoscere il concetto ma non di comprenderlo profondamente e tantomeno di applicarlo.

Un’altra idea piuttosto diffusa, grazie alla letteratura che parla della Legge di Attrazione, è che con la visualizzazione è possibile attrarre a sé le esperienze desiderate. Questo è corretto ma l’informazione, ridotta in modo così semplicistico, è estremamente fuorviante, al punto che pochissimi sono realmente in grado di metterla in pratica. La domanda che dovremmo farci è: Continua a leggere Workshop: Fisica Quantistica e Spiritualità a Roma

Giro giro tondo, gira intorno al (tuo) mondo

Prova a pensare a quante sono le direzioni che si possono seguire nella vita. Ogni desiderio è una strada, ogni strada ha due direzioni. Se desideri una relazione ci saranno momenti in cui ti avvicinerai a quel desiderio e altri in cui ti sembrerà di esserti allontanato, se desideri la ricchezza, la salute, il riconoscimento o qualsiasi altra cosa, ci saranno momenti in cui ti sembrerà di esserci arrivato, altri in cui ti sembrerà di essere ancora lontano. Ogni tanto i desideri cambiano, tutto cambia per non cambiare nulla, cambiano le strade, rimangono le due direzioni.Puoi volgere lo sguardo in una direzione o nell’altra, puoi guardare avanti o indietro. Questa è la dualità, gira gira intorno al mondo che è fatto, si nutre, di dualità.

Ti chiedi se fare questo o quest’altro, se seguire questa strada o quell’altra. Eppure c’è una terza scelta, Continua a leggere Giro giro tondo, gira intorno al (tuo) mondo