Archive for category: JoyLab – essere felici

Una Società Umanocentrica – flash da un mondo possibile

09 Mar
9 Mar 2013

Nella nostra società è avvantaggiato chi ha denaro o è in posizione di potere. Non importa in che modo sia stato ottenuto quel denaro o la posizione. Il fatto che una persona o un gruppo di persone possano accumulare risorse economiche virtualmente illimitate è aberrante. Dà loro ed agli eredi un potere sproporzionato rispetto ai meriti sociali.  Serve porre un limite alla quantità di beni accumulabili da una singola persona o organizzazione. L’attuale modello culturale avvantaggia le persone senza scrupoli e insegna ai giovani a seguire un approccio arrivista e competitivo: quelli sono gli atteggiamenti che vengono premiati.

Esempi differenti e virtuosi, tipo i progetti basati su piattaforme open source (vedi wikipedia, mozilla e altri), sono spesso messi in secondo piano nonostante gli eccellenti risultati ottenuti. Eppure la filosofia open source, collaborativa, può diventare una base culturale su cui una società umanocentrica può essere organizzata, è un contesto in cui il valore individuale può emergere pienamente.

I fratelli Wright hanno Read more →

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Riconoscere ciò che E’: il mondo esterno ti parla di te

26 Feb
26 Feb 2013

Sempre più persone iniziano a farsi delle domande. Si chiedono come funzionino davvero le cose, iniziano ad aprire gli occhi su aspetti della realtà che in precedenza venivano dati per scontato. Questo li porta vedere cose che in precedenza apparivano velate. Inizia ad essere chiaro che le potenzialità dell’essere umano sono molto più elevate di quelle che si conoscevano. Fioccano le testimonianze di guarigioni apparentemente miracolose, di capacità di anticipare eventi futuri, di studiosi e terapeuti blasonati che esplorano esperienze di vite passate. Iniziano a diffondersi idee e concetti rimasti per secoli appannaggio solo di un piccolo numero di iniziati. Questo fermento porta con sé anche dei rischi. Una mente ordinaria, entrando in contatto con queste nuove idee, rischia di interpretarle secondo il proprio immaginario, rimanendo così bloccata nel solito meccanismo egoico che spinge verso il soddisfacimento di un piacere immediato.

Tendiamo a cercare il piacere e ad evitare il dolore. Il piacere più grande per l’uomo moderno deriva dalla soddisfazione del bisogno di considerazione. Esso è come un vuoto che chiede costantemente e urgentemente di essere riempito. E’ quel vuoto che rende, ad esempio, la solitudine così penosa per chi la vive. Esso ci impedisce di utilizzare quei momenti per rivolgersi all’interno e cercare un contatto più profondo, che è l’unica scelta possibile. Solo in quel momento vedrai Read more →

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Ogni giorno puoi prendere una decisione…

05 Feb
5 Feb 2013

Ogni giorno ti svegli e prendi una decisione: a cosa affidare la tua giornata. Due forze contrapposte entrano in azione. Una di queste vuole convincerti che sei migliore o peggiore di qualcuno, vuole eccitarti per poi deluderti, vuole darti l’impressione di poter scalare montagne per poi buttarti giù dalla sporgenza più alta. Una di queste ti parla a voce alta ed è sempre in agguato, pronta a metterti lo sgambetto proprio nel momento in cui la tua corsa sta prendendo velocità. Una di queste vuole tenerti sotto controllo, occupato in mille pensieri inutili, poco importa se siano sogni di grandezza o pensieri penosi e degradanti.

L’altra forza è silenziosa. È in grado di darti tutto ma non fa promesse. È stabile, poiché Read more →

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

L’Albero della conoscenza del Bene e del male by JoyLab

27 Gen
27 Gen 2013

Per le cose del cuore non ci può essere una scuola, un istituzione tradizionale. Non può esserci per il semplice fatto che non esiste un metodo. Ci sono delle tecniche, ma non una procedura che garantisca un risultato. Nelle cose dello Spirito la singola persona è più che mai parte dell’equazione. Puoi insegnare a tutti a leggere e scrivere utilizzando lo stesso metodo. Non puoi insegnare a scoprire il proprio sé autentico attraverso un metodo. Ogni persona racchiude in sé il modo più consono a sé stessa, la domanda è sarà abbastanza motivata e determinata da scoprirlo e perseguirlo?
Poiché non può esistere una scuola nel senso tradizionale, allora non può esistere un compenso nel senso tradizionale. Il lavoro va certamente retribuito, ma un lavoro sottintende un risultato. Nel percorso nessuno può garantire risultati, solo la persona che segue il percorso può farlo. Ella però non può garantire sui tempi in cui quel risultato sarà raggiunto. Il mondo dello Spirito segue logiche molto diverse da quelle della mente.

Ci penserà la  Read more →

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Uscire da Matrix – sei davvero motivato?

15 Gen
15 Gen 2013

Qualunque cosa tu voglia raggiungere nella vita servono alcuni ingredienti di base: Fiducia, Motivazione, Costanza. La prima cosa è la fiducia, l’idea che ciò che desideri si possa realizzare, possa essere sperimentato da te. Poi viene la motivazione, di solito senza fiducia non c’è motivazione poiché senza fiducia non consideriamo raggiungibile quell’obiettivo e non avremo voglia di iniziare a lavorarci su. La motivazione è la voglia di farcela, la forza, il fuoco che brucia sprigionando calore, energia e spinta verso l’esperienza che desideri sperimentare. Poi c’è la costanza, la pazienza, il saper aspettare e allo stesso tempo curare ogni giorno il nostro campo. I semi sono stati piantati e stanno germogliando. Questa terza fase per molti è particolarmente difficile, la fretta rovina il lavoro fatto inizialmente e non è raro vedere le persone abbandonare il proprio campo alla ricerca di qualcos’altro. Senza calma, senza consapevolezza il rischio di deviare dalla propria strada o di disperdere i successi è elevato. Questi sono gli elementi per realizzare ciò che desideri nella vita, l’allenamento nella corretta applicazione di questi può portarti ovunque tu voglia.

Ora si pone la seconda domanda: Read more →

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Cosa è il JoyLab: l’unica cosa che ti manca davvero è una guida

03 Gen
3 Gen 2013

La maggior parte degli uomini, nel migliore dei casi, si impegna nello sviluppo dei propri talenti, delle proprie capacità e abilità. Alcuni conquistano successo e grandi risultati in vari campi: nel business, nella scienza, nell’arte, nello spettacolo, nella politica e così via. Ciò che quasi tutti desiderano è proprio raggiungere risultati il più possibile vicini all’idea di successo comunemente accettata. Questa idea prevede che un individuo, da solo o con l’aiuto di un gruppo di persone, raggiunga risultati apprezzati e riconosciuti da molti, questo gli porterà denaro e fama, l’individuo che riesce in questa impresa si definisce realizzato. In realtà è una realizzazione con la r minuscola poiché appartiene all’umano, cioè alla parte finita di noi stessi, non al nostro sé autentico il quale ha ben altri progetti per noi.

Questo tipo di “realizzazione” trae energia dall’idea di sentirsi Read more →

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Avere o Essere?

20 Dic
20 Dic 2012

Per anni ed anni ho studiato la mente. Ho studiato il suo funzionamento, ho osservato come io stesso e gli altri la utilizzassero e soprattutto come noi tutti ne fossimo condizionati. Ho intuito, poco dopo la maggiore età, che la chiave per svelare i misteri e le gioie della vita fosse dentro l’essere umano, non fuori, e quell’intuizione, inizialmente flebile si è rafforzata col tempo. Ho iniziato abbastanza presto a dare uno sguardo all’interno e notare come, cambiando io, cambiasse anche il mio mondo esterno. Nonostante tutto questo, periodicamente ricadevo nella trappola che la felicità dovesse essere ricercata fuori, ero scostante negli esercizi interiori e applicavo con una certa costanza solo le tecniche relative all’interazione con il mondo esterno: le tecniche di comunicazione, le tecniche motivazionali e così via, agendo principalmente su pensieri, stati emotivi e comportamenti. Davo la massima importanza alla mente conscia e inconscia, cercando modi sempre più rapidi per ottenere risultati in me stesso e nel mondo basandomi sulle potenzialità della mente.

Pensavo di essere sulla buona strada e Read more →

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Ti sei mai chiesto perché non raggiungi i tuoi obiettivi?

13 Dic
13 Dic 2012

E’ consigliabile leggere l’articolo seguente prima di guardare il video.

Molte volte le persone mi chiedono cosa impedisca loro di raggiungere i loro obiettivi. C’è chi cerca un partner, chi un lavoro migliore, chi più denaro o, semplicemente, più amici, una vita sociale più ricca, c’è chi cerca la salute e, pochissimi, cercano il proprio sé autentico. Solitamente si tende a cercare all’esterno la causa dei propri rallentamenti o dei propri “insuccessi”.

Vediamo alcuni fattori di cui tenere conto:

  1. noi valutiamo i nostri progressi prevalentemente con la mente logica. Questo significa che molto spesso la nostra valutazione è errata poiché la mente interpreta gli eventi in base a preconcetti. Nel momento in cui questa valutazione diventa una convinzione allora si rivela corretta, poiché metterai in atto senza accorgertene tutta una serie di comportamenti che porteranno nella tua vita la realtà di cui ti sei convinto. Quante volte ti sei ritrovato, guardandoti indietro, a cambiare idea sulla valutazione di un’esperienza del passato?
  2. Se la tua situazione presente
    Read more →

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Dall’Essere bambino all’Essere Realizzato

10 Dic
10 Dic 2012

Pensiamo generalmente di essere cresciuti solo perché l’età anagrafica avanza. E se interiormente fossimo, come società nel suo complesso, rimasti bambini? Per tutta la vita abbiamo curato, nel migliore dei casi, il corpo e la mente intellettuale. Siamo entrati in contatto con diete, trattamenti della pelle, esercizi fisici, e tecniche per il benessere corporeo. Abbiamo studiato, letto, raccolto informazioni di ogni tipo, siamo diventati più furbi e più o meno in grado di procurarci ciò di cui abbiamo bisogno esteriormente.
Eppure continuiamo generalmente a comportarci come bambini. Quando un bambino ha un’aspettativa e poi questa viene delusa si lamenta e se la prende con qualcuno, gli adulti lo fanno. Quando un bambino viene rimproverato assume un atteggiamento da vittima ed è risentito, gli adulti lo fanno. Quando un bambino non riesce a portare a termine qualcosa solitamente insiste, un adulto molla più facilmente. Quando un bambino sbaglia, cade, si fa male, allora piange, a volte si dispera, e dopo un po Read more →

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Rimettere se stesso al primo posto – seminario introduttivo

06 Dic
6 Dic 2012

Ciò che ora pensi di essere è solo ciò che sei diventato, è molto peggio di ciò che sei davvero. Essendo diventato ciò che sei passi molto del tuo tempo a lamentarti, a giudicare ciò che ti circonda (questo è bello, questo è brutto, questo è buono, questo è cattivo), a fantasticare sul futuro e, in definitiva, a rimandare continuamente la felicità a un tempo più o meno lontano. Eppure questo tempo non arriva mai. Guardare ciò che è significa smettere di prendersi in giro, rendersi conto che quel tempo, finché rimaniamo ciò che siamo diventati, non arriverà mai, nonostante continuiamo a raccontarci che la prossima volta sarà quella buona…

Se continui a pensare che la soluzione sia “esterna” sei ancora in periferia, in un posto in cui il mondo ti sembra simile ad un quartiere malfamato e la vita simile ad un deserto…

Il seminario vuole introdurti alla ricerca di chi sei davvero e presentarti la persona più importante eppure sempre più spesso trascurata: te stesso.

LA STANZA DEL TESORO E’ DENTRO DI TE, hai iniziato la ricerca?

Data: Read more →

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0