Workshop: il pensiero intuitivo in azione

15 Dic
15 dicembre 2013

Bologna (Loiano), 17 e 18 giugno 2017, invia una mail a: info@antoniodelia.it

Il primo workshop italiano per lo sviluppo del pensiero intuitivo. Due giornate intense in cui riprendere contatto con se stessi e trovare la fonte di quelle risposte che troppo spesso cerchiamo all’esterno di noi.

Cosa ci impedisce di rimanere costantemente in contatto con la nostra intuizione? 

Cosa ci impedisce di seguire fino in fondo le intuizioni che ci arrivano?

In una parola: le paure. Quando provi paura non ti fidi di te stesso e quindi non riuscirai a seguire le tue intuizioni fino in fondo. Se la mancanza di fiducia persiste, e si amplia nel tempo, smetterai di essere in contatto con te stesso e riuscirai a sentire sempre meno intuizioni. A questo punto l’ultima carta che  la tua parte profonda si giocherà sarà una malattia, nell’estremo tentativo di avere finalmente la tua attenzione. E’ la tua parte autentica che chiede la tua attenzione, è il tuo grido disperato verso te stesso, forse la tua ultima possibilità per imboccare la strada della tua gioia, della vita vissuta e non più subita.

Le paure più frequenti sono il timore di sbagliare, di non essere capaci, di perdere il controllo delle cose, di deludere una persona a noi vicina o la società, gli altri, in generale. Queste paure sono figlie di una mente razionale che ha preso possesso di noi, lasciando fuori dai giochi le nostre parti più profonde. A. Einstein dice: “La mente intuitiva è un sacro dono mentre la mente razionale è un servo devoto. Noi abbiamo creato una società che onora il servo ed ha dimenticato il dono”.

Il pensiero intuitivo può guidare la tua vita, può stimolarla, può liberarla da lacci e laccioli, può aprirti il mondo del sentire, del vivere intensamente, dell’amore e della gioia interiori. La vera gioia, il vero amore, non hanno una causa visibile e tangibile, sono prive di causa. Il mondo esterno ti porta occasioni di gioia e amore solo per ricordarti che dentro di te esiste il potenziale per vivere quelle sensazioni in ogni momento. Il mondo esterno ti porta dolori e sofferenze per ricordarti che stai perseguendo la strada del servo, dimenticando il Dono, dimenticando il te stesso più ampio: le tue parti animiche!

puoi prenotare la tua partecipazione direttamente qui

Puoi essere aggiornato sugli articoli del blog e sulle nostre iniziative lasciando la tua mail nel riquadro laterale: segui il blog.

Puoi lasciare un commento a quest'articolo o sottoscrivere i feed RSS o iscriverti alla newsletter per ricevere in anteprima tutti gli articoli nella tua casella di posta elettronica.
Tags: , , , , , , , , , , , , ,
3 replies
  1. ada tomasicchio says:

    e l’altro quando lo facciamo?

    Rispondi
  2. Angelica says:

    siamo tutti sostenuti dallo Spirito e se, troviamo la forza interiore ed il coraggio di seguire le sue indicazioni, la nostra vita può davvero cambiare e diventare più fluida, semplice e indirizzata alla crescita.
    Lunedì mattina, appena dopo essermi svegliata, mi sono seduta sul letto e mi sono raccolta in silenzio, auto-ascoltandomi. Dopo essermi centrata sul cuore, come spesso Maria ci ripete, ho chiesto a Spirito di guidarmi ed ispirarmi affinché io possa comprendere il linguaggio attraverso cui mi parla e procedere verso la mia guarigione.
    Ho deciso di partire mettendo in ordine la mia stanza, che è il luogo che meglio esprime il mio conflitto interiore e, prima di accingermi, mi sono fermata di nuovo in raccoglimento e poi ho detto le seguenti parole sottovoce: ” Spirito ti chiedo di aiutarmi a ripulire gli anfratti bui della mia anima così come mi accingo ora a ripulire ogni angolo della mia stanza. Rendimi i tuoi messaggi chiari e comprensibili perché io possa ritrovare la mia gioia interiore.”
    Poco dopo, mentre ero intenta a pulire la stanza e riflettevo sui messaggi lasciatimi da Spirito attraverso Maria ( ricordate…grande casa, anziani e cuore grande ), mi giunge da Spirito il primo input: casa di riposo per anziani. Vado immediatamente a prendere l’elenco telefonico e cerco sotto la voce “Casa di riposo”. Giunta alla pagina, i miei occhi, in mezzo a tutte le scritte che riempiono la pagina, cadono solo su una di queste..come se il resto della pagina fosse bianca e le altre inserzioni non esistessero. Poi, tanto per cambiare, lo Sfidante torna a farsi presente seminando il seme del dubbio e nella mia testa sento la sua voce dirmi: “Ma forse non è questo il posto giusto, leggitele tutte le inserzioni..controlla meglio. ” Decido di staccare gli occhi dalla pagina e mi rilasso un attimo, chiudendo gli occhi. Poi, tornando a guardare la pagina, scorgo una conferma inconfondibile! Tutte le altre inserzioni erano bordate di blu o di nero, mentre l’inserzione della casa di riposo che avevo trovato al primo colpo aprendo quella pagina, era l’unica col bordo rosso!! Il messaggio era chiaro: ” Non ti sei sbagliata, vai avanti perché sei sulla strada giusta!” Grata per il messaggio inequivocabile appena ricevuto, prendo il telefono e chiamo immediatamente. Mi risponde al telefono una donna ( in modo fittizio la chiamerò d’ora in avanti Rosa )che mi accoglie con un fragoroso e sereno sorriso e senza alcun formalismo, dandomi subito del “tu”. Il messaggio era chiaro. Spirito mi stava parlando attraverso di lei dandomi il benvenuto sulla strada che mi accingevo a percorrere comunicandomi che stavo giungendo al posto giusto. Chiedo a Rosa di poter parlare con un responsabile della casa di riposo e lei mi chiede: “E’ tutto apposto? Cosa c’è che non va?” Le rispondo:”No,tutto apposto grazie. Vorrei solo chiedere se fosse possibile venire un giorno da voi per fare un pò di compagnia agli anziani presenti nella vostra casa, per dare loro un pò d’affetto e portare magari dei dolci.” Rosa mi risponde sorridente:”Non ci sono problemi, ti lascio il numero della responsabile.”
    Congedandomi da Rosa mi fermo un istante a riflettere sulla magia di quanto appena successo e di come, tutte le volte che siamo sulla strada giusta, tutto diventa facile e scorre fluidamente. Chiamo al numero appena ricevuto e anche qui mi viene risposto immediatamente. Chiamerò questa seconda persona “Viola”. Spiego a Viola d’aver ricevuto il numero da Rosa e le ripeto quanto già detto poco prima a Rosa,cioè il mio desiderio di portare un pò d’amore agli anziani della casa e dedicare loro un pò del mio tempo e portare loro qualcosa di buono. Viola mi risponde subito:”Non ci sono problemi, vieni quando vuoi. Avvisami il giorno prima così ti vengo incontro.” Poi, prima che la telefonata finisca lei mi chiede:” Ma sei una volontaria? Perchè vuoi fare questo? Di solito gli anziani sono dimenticati da tutti…nessuno li pensa.” Ed io le replico:”Non sono una volontaria nel modo che intendi tu, ma proprio perchè sono dimenticati da tutti vorrei poter dare loro un pò d’amore e d’attenzione e so d’aver bisogno anch’io a mio modo di loro; diciamo che sarà uno scambio!”.
    La chiamata finisce così, ed anche ora, mentre sto a scrivere mi rendo conto di come Spirito abbia continuato a parlarmi attraverso le parole di Viola quando lei mi ha detto:” Non ci sono problemi, vieni quando vuoi. Avvisami il giorno prima così ti vengo incontro.” Il messaggio è chiaro: Tu chiedi e agisci, io ti aprirò la strada e tutto diventerà facile. Tu sappi cogliere le mie indicazioni, sappi interpretare il linguaggio attraverso cui ti parlo, ed io ti aiuterò..la tua strada diventerà facile e la percorrerai con il mio aiuto.
    HO deciso che andrò in questa casa di riposo sabato prossimo. Non so cosa accadrà, ma mi affido nella mani dello Spirito e prima di partire lo invocherò ancora per chiedergli di rendermi i suoi messaggi chiari e forti perché io possa comprendere ciò che vuole dirmi, ciò che Anima deve comprendere e ricordare da quest’esperienza. Mente voleva già prendere il controllo e mi diceva: puoi fare questo..quest’altro o ancora quest’altro ancora..ma poi le ho detto:”Stai zitta. Non sei tu a decidere. Non c’è nulla da pianificare. Io devo solo andare, lasciare il mio cuore aperto e ascoltare ciò che Spirito vuole farmi giungere attraverso questa esperienza.”
    Ho seguito anche un altro consiglio che Maria mi ha dato in auto mentre mi accompagnava con Antonio alla stazione. Il consiglio era quello di bruciare uno strumento di divinazione che io usavo da circa 3 anni e che era entrato con prepotenza nella mia vita nel 2009. Non solo questo strumento non voleva bruciare ( tali e così forti erano le resistenze ) ma perchè un piccolo mucchietto di carte si consumasse del tutto c’è voluto quasi un’ora di tempo! Nel fare ciò ho promesso a Spirito che d’ora in avanti mi sarei affidata solo ed esclusivamente alle sue indicazioni e che nulla avrebbe più preso il suo posto.
    Nel compiere questo gesto, liberandomi dal mazzo di carte ho ripetuto a me stessa:”Sono libera e non c’è gloria nè potere se non in Dio!”. In quell’istante, appena le carte si erano consumate del tutto, il volo di un uccello sopra la mia testa mi ha fatto comprendere che d’ora in avanti avrei potuto volare in alto e libera come sognavo da tempo.” E, neppure mezz’ora dopo, mi giunge una chiamata che attendevo ma che tardava ad arrivare riguardante la mia ricerca di lavoro!
    Cosa ho imparato da tutto questo..ho appreso molte, moltissime cose. Ho compreso come attaccandoci ad alcune certezze, convinzioni interiori sbagliate che in genere servono per auto-convincerci di avere ragione, spesso non ci discostiamo neppure di un millimetro dalla nostra realtà presente e escludiamo, eludiamo i messaggi che lo Spirito ci manda in continuazione. Restare con il cuore aperto e rimanendo fluidi tutto diventa più semplice ed i messaggi arrivano uno dietro l’altro. Questi messaggi sono nella realtà che ci circonda, nella realtà che ci sta sotto al naso. Spesso basta osservare il comportamento di un animale domestico, oppure Spirito ci parla attraverso una piccola scenetta tra persone nelle quali incappiamo per caso e che ci dicono una grande verità..proprio quella verità che noi abbiamo bisogno di sentirci in quel momento per avanzare.
    Rosa e Viola, nelle mie comunicazioni telefoniche di cui ho parlato sopra, si sono fatte strumento inconsapevole dello Spirito che, attraverso di loro, mi ha invitata ad abbandonare le mie paure e mi ha detto che se io agisco, lui mi spiana la strada, mi verrà incontro e tutto diverrà facile.
    Ripensiamo al messaggio che Spirito ha lasciato al gruppo prima di congedarsi da noi:”Non abbiate paura..lasciatevi andare!” Spirito mi ha detto esattamente la stessa cosa attraverso Rosa e Viola; lasciati andare e seguimi….non avere paura, io ti sono sempre vicino ad aiutarti e sorreggerti.
    Molte altre cose sono accadute anche ieri nella mia vita. Ho trovato il coraggio di guardare dentro me stessa e di scavare profondamente dentro la mia grande ferita e, per la prima volta in 36 anni, ho compreso il meccanismo che mi impediva di spiccare il volo e che mi vincolava accanto a mia madre. Non vi scrivo questa esperienza perché credo di non essere ancora pronta a condividerla con tutti; ho bisogno di un pò di tempo per elaborare quanto ho compreso ieri per la prima volta. Ma ciò che voglio dirvi con tutta la mia anima è quanto segue:” Non cercate Spirito lontano da voi…lui ci parla in continuazione, sempre, instancabilmente. Ed è proprio come dice Gesù: “avete occhi e non vedete, avete orecchie ma non sentite!” Noi siamo immersi dentro la Verità, Spirito ci avvolge ma non lo sentiamo, Dio è dentro di noi ma noi cerchiamo lontano e soprattutto, cerchiamo grandi segni. No. Siete sulla strada sbagliata! Non è così. E’ nelle piccole cose che si manifesta la grandezza. Auguro a tutti voi che Spirito si manifesti nel modo che più facilmente vi è comprensibile. Un grande abbraccio e spero col cuore che la mia esperienza possa esservi utile.

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *