Il buongiorno si vede dal mattino? Quanto il sottofondo emotivo precedente all’inizio di un rapporto di coppia ne influenza lo sviluppo parte 2

28 Giu
28 giugno 2012

Continua dall’articolo il buongiorno si vede dal mattino parte 1.

… fino al momento in cui qualcosa va storto. Tutto sembrava scorrere nel migliore dei modi, fino a quando la persona che è entrata nella tua vita non ti costringe ad andare un po’ più in profondità al tuo interno, tirando fuori paure e ferite apparentemente dimenticate da tempo.

Oppure sei in un periodo in cui non sei polarizzato ne in emozioni negative ne positive, non hai ansie o preoccupazioni pensando al fatto che al momento sei single, allo stesso tempo non ti senti un grande uomo o una grande donna per qualche successo che stai vivendo. Sei semplicemente presente alla Vita, osservando e godendo ciò che accade momento per momento. È uno stato di consapevolezza del tuo valore così come del valore degli altri, riesci a vedere in te e negli altri le debolezze umane, ma non le giudichi più, le utilizzi come leva per la trasformazione. Riesci anche a scorgere una luce, la fonte luminosa, in te e negli altri, e inizi a comprendere che puoi accedere a quella fonte semplicemente permettendo alla luce di emergere. Polarizzarsi su una emozione ostacola l’emergere della tua luce.

A questo punto arriva una persona nella tua vita e riesci a comprendere il senso più profondo di questa presenza all’interno del nuovo rapporto di coppia. Non è lì per farti compagnia, non è lì per intrattenerti sessualmente, non è lì per metter su famiglia con te, non è lì per nessuna ragione se non per portarti sempre più in profondità e supportarti con l’amore alla scoperta di quella fonte di luce al tuo interno. A quel punto tutte le esperienze che contraddistinguono la relazione saranno a supporto di questa esplorazione, di questo sperimentare e conoscere se stessi, per andare, insieme, oltre le paure e realizzare, con l’altro, la vita che desideri.

Puoi lasciare un commento a quest'articolo o sottoscrivere i feed RSS o iscriverti alla newsletter per ricevere in anteprima tutti gli articoli nella tua casella di posta elettronica.
Tags: , , , ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *