La prossima volta andrà meglio?

17 Set
17 settembre 2014

Quasi sempre non è vero. Andrà come è sempre andata, quante volte devi ancora ripetere le stesse cose, rivivere le stesse illusioni, prima di comprendere?
La mente, con cui ti identifichi quasi del tutto, non è in grado di prendere decisioni che non siano basate su esperienze del passato e su idee e condizionamenti assorbiti dall’ambiente culturale in cui siamo cresciuti. Per questo motivo cambiare è così difficile e tendiamo a ripercorrere strade che consideriamo sicure anche se non ci portano quella gioia e quell’amore cui aspiriamo. In fondo non crediamo neppure che sia davvero possibile sperimentare gioia e amore autentici, così cerchiamo il possesso di cose e persone in modo da allentare il disagio e la mancanza di senso che ci portiamo dentro. Quindi molto spesso intraprendiamo un percorso di conoscenza di sé perché, sotto sotto, speriamo che possa portarci anche e soprattutto dei vantaggi, delle agevolazioni. Il successo della legge di attrazione è dovuto proprio a questo: l’illusione che ci sia un modo per avere tutto ciò che vuoi a buon mercato, facendo solo qualche visualizzazione e praticando un po di pensiero positivo.

Moltissime delle persone che seguono dei percorsi da diversi anni hanno provato tante cose, pratiche, tecniche, metodi, hanno imparata cose, accumulato informazioni. La loro vita è migliorata, ma non è cambiata radicalmente. Ora sanno gestire meglio il dolore, ma esso è ancora lì. Ora alcune giornate sono piene di scoperta, ma la maggior parte del tempo si ha la sensazione di aver fatto pochi progressi, di essere poco distanti dal punto di partenza, di girare intorno al cuore del problema. Questo accade perché, solitamente, i percorsi vengono affrontati a livello mentale. Riusciamo, così, a sciogliere piccoli blocchi che non mettono in pericolo lo strapotere della mente e quando questo accade la mente se ne prende il merito, ci sentiamo orgogliosi di noi stessi (la mente che adula se stessa).

Hai bisogno di un aiuto “esterno” alla mente, qualcosa che ti appartiene ma che tenderai a percepire come esterno poiché dal punto di vista della Mente appare tale. Questo aiuto arriva da una fonte spirituale che è sempre con te, alcuni la chiamano “Esistenza”, “Vita”, altri “Spirito” o “Spirito Santo”, altri “Maestro interiore” o “Guida interiore”, lo sciamano lo chiama “animale guida”, gli indiani d’america “animale totem”. Non è importante il nome, ciò che conta è mettersi alla ricerca di questa forza, colei che ti spingerà a vedere oltre e spingerti in luoghi totalmente nuovi nel mondo interiore ed esteriore, verso la scoperta e realizzazione del tuo destino. E’ ciò che Neale Donald Walsch intende quando afferma: Dio parla con tutti, la domanda è “chi lo ascolta”?

Una parte del nostro lavoro consiste proprio in questo: facilitare il riconoscimento e il contatto con le tue energie animiche. Per farlo utilizziamo metodiche già note: pnl, costellazioni familiari, training autogeno, gli stati di trance e il simbad, l’analisi dei sogni e la lettura intuitiva della realtà della persona che lavora con noi. La differenza non è tanto nelle metodiche quanto nell’obiettivo che ci poniamo: aiutarti a riconoscere la tua guida interiore, la parte più Essenziale. Fino a quando non trovi quel contatto sei prevalentemente guidato dai pensieri e dalle emozioni prodotti dalla mente di superficie. Ma una volta trovato quel contatto qualcosa si rompe dentro di te e questa rottura fa cadere un velo: hai dato una occhiata fuori da matrix, ti sei accorto dell’esistenza di un mondo invisibile in cui accadono cose che ti coinvolgono e di cui sei, per quanto inconsapevole di esserlo, partecipe.

Trovi il calendario degli incontri dal vivo qui.
Per essere aggiornato sul’uscita dei nuovi articoli puoi semplicemente segnalare la mail nel riquadro nella colonna di destra.

Tags: , , ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *