Perdersi nel labirinto della mente

19 Nov
19 novembre 2012

Forse la verità è che, nella ricerca di risposte, non hai compreso molto di ciò che hai capito o, nel peggiore dei casi, hai capito una cosa per l’altra. La quantità di informazioni non è ancora diventata energia di consapevolezza, è solo altro ego.

Questo è comprensibile, serve ancora del tempo. Il silenzio deve ancora conquistare il tuo cuore. Prediligi il parlare all’ascolto, e prediligi l’ascolto al sentire. È normale che sia così, il sentire è una proprietà del silenzio interiore.

La grande sfida è il lasciare andare ogni cosa, ogni idea, ogni attaccamento della mente, lasciare andare il passato che ci ha condotto qui, alla miseria interiore malamente celata da un bell’abito, una bella casa o da un auto nuova. Ogni volta che ti lamenti di qualcosa, ogni volta che pensi di meritare di più, ogni volta che lotti contro qualcosa, puoi fermarti un attimo e chiederti: “Perchè sta capitando di nuovo? Cosa non ho ancora compreso?”

Ogni giorno si avvicina il momento in cui dovremo mollare ancora qualcosa. È finito il tempo di prendere, è giunto il momento di restituire e viaggiare liberi e leggeri tornando ad essere chi siamo davvero, e di gioire, semplicemente, per il gusto di sperimentare la vita.

Puoi lasciare un commento a quest'articolo o sottoscrivere i feed RSS o iscriverti alla newsletter per ricevere in anteprima tutti gli articoli nella tua casella di posta elettronica.
Tags: , , , , , ,
1 replies
  1. Matteo says:

    Bene, è così. Quante volte ho sentito queste frasi, sicuramente, anche coloro che seguono un percorso di sviluppo spirituale…
    La verità è la verità e ognuno di noi sa quanto mente a se stesso.
    Ho scoperto che la difficoltà è che la ns evoluzione o meglio giocare con noi stessi apparentemente nn allude a nessuna ricompensa… a NESSUNA RICOMPENSA come se tutto esiste e può pure non esistere….
    PERCHÉ?
    è incredibile quando si scopre e si consapevolizza questa esperienza di essere artefici delle ns scelte e quanto siamo influenzati da altro per avere una e sola certezza: siamo di più, siamo di più.
    Siamo nel Ns soggettivo ESSERI diversi dalla classica carne e routine quotidiana e il ns scopo è la ns evoluzione.

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *