Cosa è il JoyLab: l’unica cosa che ti manca davvero è una guida

03 Gen
3 gennaio 2013

La maggior parte degli uomini, nel migliore dei casi, si impegna nello sviluppo dei propri talenti, delle proprie capacità e abilità. Alcuni conquistano successo e grandi risultati in vari campi: nel business, nella scienza, nell’arte, nello spettacolo, nella politica e così via. Ciò che quasi tutti desiderano è proprio raggiungere risultati il più possibile vicini all’idea di successo comunemente accettata. Questa idea prevede che un individuo, da solo o con l’aiuto di un gruppo di persone, raggiunga risultati apprezzati e riconosciuti da molti, questo gli porterà denaro e fama, l’individuo che riesce in questa impresa si definisce realizzato. In realtà è una realizzazione con la r minuscola poiché appartiene all’umano, cioè alla parte finita di noi stessi, non al nostro sé autentico il quale ha ben altri progetti per noi.

Questo tipo di “realizzazione” trae energia dall’idea di sentirsi migliori di altri, di avere potere su di loro e di poter soddisfare con una certa facilità desideri e capricci del momento. Solitamente ammiriamo e rispettiamo timorosi le persone che hanno raggiunto questo tipo di successo e che ricoprono posti di potere e prestigio. In realtà ci piacerebbe essere al loro posto. Se non ci siamo riusciti noi vorremmo che almeno i nostri figli provassero a raggiungere quelle vette che consideriamo desiderabili e non del tutto impossibili da raggiungere.

Quando invece pensiamo a persone che hanno Realizzato il proprio Essere, tipo i santi e altri meno noti, li consideriamo speciali e irraggiungibili. Pensiamo che queste persone siano nate con delle qualità speciali riservate solo a pochi eletti. Non riteniamo di farci ispirare da loro, li utilizziamo al più per chiedere grazie e favori al pari di come si fa con i potenti. Chi ha Realizzato il proprio Essere è incomprensibile dal punto di vista dell’umano, è un enigma senza soluzione che non diventa bersaglio delle nostre fantasie. Quindi perché perdere tempo con quell’enigma? Meglio dedicarsi ai bisogni, i desideri, i capricci dell’umano. Per realizzare l’umano devi rafforzare la mente, quando sarà abbastanza forte diventerà un tiranno in grado di sottomettere e schiacciare tutto ciò che si intromette tra te e i tuoi obiettivi. Per Realizzare l’Essere devi rafforzare il contatto con il tuo Spirito e fare esperienza di avere una guida interna a cui affidarsi. Quando questo contatto sarà abbastanza forte allora diventerai un Maestro, saprai chi sei davvero.

Il JoyLab è nato come uno spazio in cui sia possibile coltivare ed accrescere il contatto col nostro Essere. Uno spazio che è nel mondo ma non del mondo.

Video allegato. Buona visione, AD

Puoi lasciare un commento a quest'articolo o sottoscrivere i feed RSS o iscriverti alla newsletter per ricevere in anteprima tutti gli articoli nella tua casella di posta elettronica.
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *