Il punto di vista più ampio sulla creazione intenzionale (o legge di attrazione)

26 Gen
26 gennaio 2018

(guest post di Massimiliano Cantore) Massimiliano: Mi piacerebbe approfondire il discorso sulla manifestazione tramite pensiero parola e azione

: Si tratta di vera e propria creazione, non è solo manifestazione. In ogni istante della vostra vita voi create anche se non ve ne accorgete e non potrebbe essere altrimenti, poiché esiste solo il momento presente. Il processo di creazione è una vera e propria legge alla quale non è possibile sottrarsi. Tutto si svolge su tre livelli: ide-azione, cre-azione e form-azione. L’ide-azione corrisponde al pensiero e si tratta di riunire energie per formare una matrice di ciò che si vorrà creare. È per questo motivo che nelle vostre richieste dovreste pensare a ciò che volete come se fosse già ottenuto, poiché ciò che inviate all’Universo è la matrice del vostro pensiero. Se chiedete qualcosa che ancora non avete dichiarate una mancanza nel momento che chiedete e una mancanza è ciò che creerete. La cre-azione corrisponde alla parola, cioè quando annunciate a voi stessi e al mondo ciò che volete creare e si tratta di rendere un po’ più densa l’energia del pensiero. Non è importante che l’annuncio sia effettivamente pronunciato a parole, ciò che è importante è comunicarlo. L’ultimo atto è la form-azione che corrisponde alla messa in atto delle operazioni necessarie al compimento della creazione. Tutto questo è un processo di “rallentamento” di vibrazioni, dalla più alta del pensiero a quella più bassa delle azioni e vale sia per compiere un passo che per creazioni più complesse, la differenza sta nel quantitativo di energia impiegato. Anche il tempo necessario alla creazione dipende dal quantitativo di energia, ma anche dal livello di consapevolezza di chi utilizza l’energia.

Massimiliano: Ok, ho capito come funziona, mi servirebbe un chiarimento sull’ultima parte riguardante l’energia e la consapevolezza.

: I maggiori limiti posti a questo processo sono due: l’energia che si è in grado di utilizzare e la consapevolezza necessaria. Questi limiti sono posti, entrambi, dalla mente. L’energia utilizzabile è rappresentata dalla vostra immaginazione. Quando create la matrice energetica è necessario che sia più particolareggiata possibile. Pensatevi e pensate alla situazione come se la steste vivendo in questo momento, fino a farla diventare il vostro unico pensiero. Molte persone non sono in grado di portare a compimento questo processo poiché non credono nell’immaginazione, pensano che bisogna rimanere con i piedi per terra e che non si può perdere tempo a fantasticare, ed è così, se non si concludono tutti e tre i processi. L’altro limite si presenta nell’ annuncio a se stessi e al mondo. Dopo aver creato la matrice molta gente dice e si dice che non sarà mai in grado di realizzarla, che sarebbe bello ma non è possibile. Queste sono le energie effettive che verranno mobilitate nell’Universo. Tutto ciò porta a non eseguire azioni o ad eseguirle con scarso impatto. Anche con questi limiti la creazione non è interrotta se si compiono comunque tutti e tre i processi, sarà solo molto rallentata.

Massimiliano: Quindi per creare le nostre realtà eseguiamo sempre questi passi?

: Sempre, ma come ti dicevo questo è il processo che porta al compimento. La domanda interessante è: chi o cosa ispira l’idea da realizzare? Nella maggioranza dei casi è l’ego che si impossessa del processo impossessandosi della vostra mente e vi spinge a realizzare situazioni consone alla propria sopravvivenza, in altri casi l’ispirazione viene dalla vostra parte più autentica.

Per approfondire ascolta il podcast:

Puoi lasciare un commento a quest'articolo o sottoscrivere i feed RSS o iscriverti alla newsletter per ricevere in anteprima tutti gli articoli nella tua casella di posta elettronica.
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *