Archive for category: Il meglio del blog antoniodelia.it

Nessuno può fare nulla per te

04 Mar
4 marzo 2014

Una delle trappole più insidiose e più difficili da riconoscere è l’idea di poter aiutare gli altri. Siamo portati a pensare che qualcuno possa fare qualcosa per noi in modo da poter stare meglio o che noi possiamo fare qualcosa per lui per farlo stare meglio. Osservando attentamente questa idea ti accorgerai che nasconde un’aspettativa. Ad esempio quando lasci un euro ad un mendicante, ti fai l’idea che comprerà del pane per se o per i suoi bambini, questa idea ti fa sorridere, ti allontani con l’impressione di aver aiutato quella persona. In realtà non sai per cosa verrà utilizzato quel denaro. Allo stesso modo, quando aiuti un amico Read more →

La Ricerca del Sé

10 Feb
10 febbraio 2014

La ricerca del sé è spesso fraintesa e finisce per risultare un concetto vago. Di seguito riporto la mia esperienza in merito. La prima fase solitamente consiste nel leggere dei libri, guardare video e frequentare dei corsi. Questa è la fase intellettuale. La mente ha scoperto qualcosa di nuovo, è qualcosa che ti fa vibrare dentro, ma essa vuole capirne di più. Così inizia a collezionare informazioni su informazioni, questa è anche la fase in cui parliamo ai nostri amici, o perlomeno cerchiamo di farlo, di queste nostre scoperte e rischiamo di sentirci incompresi. In realtà non abbiamo ancora realizzato nulla, si è accesa una scintilla dentro di noi, ma quasi tutto rimane ancora a livello intellettuale. Quando gli altri denigrano queste nostre letture ci sentiamo male perché in realtà stanno rispecchiando la parte di noi che è ancora scettica e resistente verso le nuove possibilità di cui parlano i libri o di cui si parla nei corsi.

La seconda fase consiste nel  Read more →

Workshop: Malattia e Guarigione, il punto di vista animico

06 Feb
6 febbraio 2014

ROMA, 22 febbraio 2015  ore 10.00-17.30  (metro Colli Albani) – la quota è di € 70

Il corpo non ha un’intelligenza propria ma viene influenzato dalle nostre istanze mentali e animiche e dall’ambiente. A parte i casi in cui si arriva su questo piano per fare esperienza di una specifica disabilità, in modo da appianare cose irrisolte di vite precedenti, possiamo potenzialmente vivere una vita sana e gioiosa, a patto di non allontanarci troppo dal nostro Essere, da noi stessi.

E’ come se ognuno di noi arrivasse qui con un cammino ideale da percorrere, potremmo chiamarlo destino, ci si ammala nella misura in cui ci allontaniamo da questo destino prendendo strade che ci portano a sfuggire invece che ad affrontare il nostro cammino.

Quando questo accade ci allontaniamo anche dal cuore, diventiamo più mentali, freddi, Read more →

Workshop: il pensiero intuitivo in azione

15 Dic
15 dicembre 2013

Bologna (Loiano), 17 e 18 giugno 2017, invia una mail a: info@antoniodelia.it

Il primo workshop italiano per lo sviluppo del pensiero intuitivo. Due giornate intense in cui riprendere contatto con se stessi e trovare la fonte di quelle risposte che troppo spesso cerchiamo all’esterno di noi.

Cosa ci impedisce di rimanere costantemente in contatto con la nostra intuizione? 

Cosa ci impedisce di seguire fino in fondo le intuizioni che ci arrivano?

In una parola: le paure. Quando provi paura non ti fidi di te stesso e quindi non riuscirai a seguire le tue intuizioni fino in fondo. Se la mancanza di fiducia persiste, e si amplia nel tempo, smetterai di essere in contatto con te stesso e riuscirai a sentire sempre meno intuizioni. A questo punto l’ultima carta che  la tua parte profonda si giocherà sarà Read more →

Il pensiero positivo e il pensiero quantistico

12 Nov
12 novembre 2013

Il pensiero positivo ci ha insegnato ad orientare l’attenzione verso qualcosa di desiderabile. Ha aiutato molte persone a trovare la spinta ad uscire dalla propria zona di comfort. E questo è molto bello. D’altro canto non ci ha insegnato a discernere tra ciò che è desiderabile e ciò che non lo è. In qualche modo è come se avessimo imparato ad utilizzare un’arma ma non sapessimo ancora distinguere tra gli amici e i nemici. A Pinocchio andare a vivere nel paese dei balocchi sembrava un’esperienza desiderabile, fino a quando non si è accorto del contrario. Pinocchio era un convinto sostenitore del pensiero positivo e questo lo portava a considerare il grillo parlante un pessimista rompiscatole, uno che cercava solo di tarpargli le ali. In questo senso la differenza tra un credulone (vittima di una mente volubile) e un sostenitore del pensiero positivo può essere molto sottile. Il rischio di Read more →

Workshop: Riconoscere lo sfidante (con le costellazioni familiari)

09 Nov
9 novembre 2013

BOLOGNA (Loiano): 16 aprile 2106  –  prenota ora o invia mail a info@antoniodelia.it

Il workshop è consigliato a coloro che hanno già partecipato ad uno dei nostri workshop ed a coloro che hanno visto ed apprezzato il documentario su youtube: “lo sfidante”.

Una giornata intensa per individuare la nostra ferita di base dietro la quale si nasconde il nostro “sfidante”, il nostro lato oscuro. Si nasconde dove non andremmo mai a guardare e, da quella posizione favorevole, condiziona i nostri pensieri facendo leva sulle nostre paure e insicurezze. Per partecipare al workshop è preferibile avere una preparazione di base sul nostro modo di lavorare ed una sintonia con esso (anche attraverso i numerosi video presenti su youtube), od una pregressa esperienza con le costellazioni familiari di Bert Hellinger, solo così potremo andare spediti nell’affrontare qualcosa da cui stai sfuggendo da molti anni, forse senza rendertene minimamente conto.

Read more →

Pensiero intuitivo e ferite emozionali – dall’io all’IO

12 Set
12 settembre 2013

Passiamo la nostra vita identificati nell’io, è la mente di superficie. È come un dittatore che, giorno dopo giorno, ci pilota, riportando continuamente il passato nel nostro presente. Tutto ciò che facciamo, anche i cambiamenti, dal punto di vista dell’io non porteranno quella pace, quella gioia, quella serenità a lungo cercata (anche utilizzando pensiero positivo e legge di attrazione, il piccolo io è solitamente in balia degli Ego).
Poi c’è l’IO. È il nostro sé più ampio: la triade composta da Mente, Anima e Spirito. Nell’avvicinarsi alle parti animiche la mente si ammorbidisce e smette di pilotare tutto il gioco. Ora sono le parti animiche le protagoniste della nostra vita. A questo punto Mente delega a loro le decisioni e si limita a  Read more →

Sei sicuro di pensare positivo?

15 Lug
15 luglio 2013

Ho osservato che il pensiero positivo è stato da molti frainteso. È un primo passo di preparazione alla consapevolezza, un esercizio di attenzione, non rimanere bloccato lì. In che modo viene applicato questo approccio nella vita quotidiana? Osserva. Uno dei modi più diffusi lo chiamo: scappare dal negativo (dal dolore, dalla sofferenza, dalle delusioni e simili). In questo caso il pensiero positivo diventa un rifugio, un modo per scappare. Da cosa? Dalle paure e dalle insicurezze. Se pensare positivo per te significa non pensare al negativo, voltare la testa dall’altra parte, allora è solo un modo per non affrontare qualcosa che è entrata nella tua vita.

È come entrare in casa e intravedere delle macchie su un lato del pavimento, l’altro lato invece è pulito. Decidi di pensare positivo e quindi ogni volta che entrerai a casa guarderai solo il lato pulito del pavimento. Questo non ti aiuta a crescere. Read more →

I pensieri mentali ti stanno fregando, svegliati!

17 Giu
17 giugno 2013

Osserva i tuoi pensieri quando sei un po’ giù, sono sempre gli stessi. Osservali quando sei eccitato per un risultato positivo, sono ancora loro con polarità inversa. Sei sei triste perché ti manca il denaro allora sarai entusiasta quando ricevi del denaro. Se sei triste perché ti manca la gloria allora sarai entusiasta ad ogni briciolo di gloria conquistata. Se sei triste perché ti senti solo solo, allora sarai felice nei momenti in cui quella solitudine viene smorzata dallo stare con altre persone, e così via. Osserva, sono sempre gli stessi pensieri, sono come dei fili che ti portano in giro come si fa con un burattino.

Osserva, è il burattinaio a muovere i fili, Vadim Zeland lo chiama pendolo. Ciò che ti rende triste è anche ciò che ti rende felice ed è ciò che ti manipola, è il pendolo attraverso cui tu sei tenuto in gabbia dalla tua mente. Se Mente perdesse questo appiglio potrebbe perdere il potere che ha e che gli hai concesso esistenza dopo esistenza. Per questo motivo farà di tutto per tenere in piedi questo appiglio.

Se il tuo pendolo è

Read more →

La Verità ti renderà libero

03 Giu
3 giugno 2013

Fermati. La tua vita ha bisogno di te. Il tuo Essere ha bisogno di te. Osserva. Cerca la verità nella tua vita. Prima vivevo di compromessi, mi adattavo a dare e ricevere piccole ipocrisie quotidianamente e questo atteggiamento comprimeva il mio Essere. Poi ho iniziato ad agire come se fossi davvero libero, a dire ciò che penso, a fare ciò che amo, ad esprimere ciò che ho dentro. Inizia da te, inizia a cercare la verità nella tua vita. Puoi iniziare col guardare tutto ciò che non funziona nella tua vita quotidiana e riconoscere quale paura si nasconde dietro quei problemi. Hai studiato abbastanza, hai letto abbastanza libri, hai iniziato a comprendere che tutto dipende da te, ora agisci. Read more →