Archive for month: luglio, 2015

Ciò che sei non E’

18 Lug
18 luglio 2015

Ciò che sei non È… e ciò che sei davvero ti fa paura. Riesci a giungere fino al confine di ciò che non sei, mancano pochi passi per iniziare a sperimentare ciò che sei davvero. Ma ti fermi, tremi, vuoi tornare indietro. Vuoi sapere, vuoi conoscere, ma poi ti arrabbi, la verità ti fa arrabbiare. Sbatti la porta in faccia a ciò che È. La mente è fatta così ma tu non sei la tua mente. Essa, mossa dal timore del futuro, vuole controllare la tua vita.

Prima di chiedere di sperimentare quella pace, quell’amore, quella gioia che hai sempre desiderato e inseguito, osserva. A cosa sei disposto a rinunciare? A quali idee invece non sei disposto a rinunciare? Le idee a cui non sei disposto a rinunciare sono quelle che tengono in piedi il tuo disagio. La guarigione è così difficile perché per conseguirla serve rinunciare a qualcosa, ed è sempre un qualcosa che la mente valuta come buona. Questo è il grande ostacolo!

Tu dici: come è possibile? Non è questa cosa che mi turba. Ciò che mi crea tensione, sfiducia, è quest’altra cosa. Dobbiamo lavorare su questa cosa! Eppure quello quasi sempre è un falso bersaglio, è lì per distrarti. Ciò che pensi sia il tuo problema è perlopiù innocuo. Il guaio è in ciò che ti dà sicurezza, ciò che ti lusinga, ti fa sentire protetto, ti fa sentire un re, ciò che ti accarezza e ti consola… proprio quella cosa ti sta fregando.

Questo è insopportabile per la tua mente. Ma se lo comprendi hai una grande possibilità. La tua consapevolezza compierà un balzo. Entrerai in una crisi profondissima, ogni distacco è preceduto da una crisi, una sofferenza, tanto più grande quanta più sicurezza o piacere ti dava la cosa da cui ti stai staccando. Quanto più forte la dipendenza tanto più forte la sofferenza da attraversare per disintossicarsi. È la strada per la guarigione. Puoi decidere di iniziare il cammino, oppure decidere che hai ancora bisogno di tempo da dedicare ai preparativi.

Di seguito il podcast di approfondimento: