Archive for month: aprile, 2014

Ciò che vuoi non È

24 Apr
24 aprile 2014

Sempre più persone iniziano a prendere confidenza con i meccanismi di funzionamento dei propri pensieri, degli stati emozionali, e, più in generale, con la possibilità di riprendere in mano le redini della propria esistenza. Alcuni diventano piuttosto bravi in questo e raggiungono risultati esteriori apprezzabili, qui iniziano i guai. Quando ottengo dei successi esteriori l’ego li fa subito suoi, se ne prende il merito. Diciamo a noi stessi, e lo trasferiamo agli altri anche in modo non verbale, che siamo stati davvero bravi e questo ci ha portato a realizzare ciò che abbiamo conseguito. Osserva, quando una persona raggiunge dei successi in un ambito particolare, allora il suo ego sarà più forte, e lo sarà non solo in quello specifico ambito ma in ogni cosa della vita. Quindi, ad esempio, ottengo dei buoni risultati sul lavoro e mi sento più forte anche nelle relazioni con gli amici o con il partner. Anche nella ricerca interiore mi sentirò più forte. Penserò che, se sono stato capace di arrivare fino lì nella vita esteriore, sto diventando più consapevole e quindi gli altri, che non sono stati capaci di realizzare tutto questo, dovrebbero prendere esempio da me.

Read more →

La relazione di coppia vista da Anima

14 Apr
14 aprile 2014

Due persone s’incontrano, i loro sguardi s’incrociano, iniziano a sorridersi, sentono dentro una piccola luce illuminare i loro cuori, questa è Anima. Poi iniziano a osservarsi, a studiarsi, a fantasticare o a obiettare, questa è Mente. Le anime si sono riconosciute, le menti non ancora. Viviamo la relazione o l’incontro con l’altro sesso, così come qualunque altra cosa nella nostra vita, da tre punti di vista: Mente, Anima e Spirito. Diamo uno sguardo al punto di vista di Anima.

Tutto inizia con il primo incontro, la mente fa le sue considerazioni. Se queste sono positive, inizia a fantasticare e a emozionarsi, fino ad arrivare alle cosiddette farfalle nello stomaco, illusione. Se le anime si riconoscono, qualcosa accade, ma è sottile ed è facilmente offuscato dalla prepotente voce dei pensieri. Non ha a che fare con l’eccitazione, non con quella leggera ansia dell’attesa e neppure con la sensazione d’incertezza, di speranza, o di giudizio. A volte è quel giudizio, quel “sì, ma”, che ti frena nell’interazione con l’altro, altre volte, invece, a interferire nel contatto tra le anime è l’euforia emotiva che maschera la voglia di possesso dell’altro.

Se tutto questo viene superato, e, in alcuni casi possono essere necessari anche dei mesi, se Mente si arrende e si lascia andare alla volontà di Anima, allora Read more →